Smart working: Barilla lo estenderà entro il 2020

di Lorenzo Ferretti

 

Sempre più spesso negli ultimi tempi si sente parlare di ‘telelavoro’ ma in cosa consiste di preciso? Il mondo anglosassone lo chiama ‘smart working’ e si tratta di una modalità di impiego innovativa che vuole sostituire vecchi sistemi al fine di favorire sia i datori di lavoro che i loro dipendenti incoraggiando la flessibilità, soprattutto per quanto riguarda orari e sedi di lavoro.
Nel nostro Paese sono sempre di più le aziende che stanno scegliendo di favorire lo ‘smart working’. Oltre a Microsoft, che ha introdotto per prima questo nuovo modello di lavoro nel nostro Paese, ben 10 anni fa, anche Nestlé e il gruppo alimentare Barilla hanno scelto di adottare questo nuovo sistema. L’azienda emiliana in particolare conta di estendere questo modello di lavoro a tutti i suoi dipendenti entro il 2020.
Nel dare l’annuncio tramite una nota ufficiale, Barilla ha sottolineato di aver già avviato il progetto di ‘smart working’ per alcuni dipendenti a partire dal 2013: fino a questo momento hanno usufruito di quest’opportunità ben 1200 dei 1600 dipendenti coinvolti nel progetto dall’azienda emiliana. Si tratta di una percentuale pari ad oltre il 74% che va a chiarire le preferenze dei lavoratori per questo tipo di impiego più flessibile. A scegliere questo nuovo modello di lavoro sono soprattutto donne tra i 30 e i 55 anni e chi è costretto a lunghi tragitti casa-ufficio. Colpisce che i lavoratori più giovani siano stati i meno interessati a sfruttare questa possibilità.
Per il momento, il progetto attuato da Barilla permette ai dipendenti di lavorare in sedi diverse dall’ufficio per 4 giorni al mese, accordandosi con il proprio manager.
Stando a quanto dichiarato da Alessandra Stasi, responsabile Organization & People Development favorire un equilibrio maggiore tra vita privata e lavorativa non ha solo aumentato la soddisfazione dei dipendenti ma ha persino portato un incremento nei livelli di produttività.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.