Semine quintuplicate per la pasta di grani antichi: è un successo

Secondo la fonte di Coldiretti, in Italia la coltivazione di grani antichi per la pasta sta avendo un successo enorme, infatti le semine sulle superfici coltivate sono state quintuplicate, passando dai 1000 ettari del 2017 ai 5000 attuali.
L’analisi della Coldiretti si è basata sui dati di Consorzi Agrari d’Italia e Sis.
Attualmente il record è stato raggiunto dal Senatore Cappelli, che risulta essere il grano duro antico più seminato in Italia.
Grazie a questa nuova tendenza, la pasta sarà per la maggior parte prodotta con grano made in Italy, un successo se si considera che fino al 2017 si importava il grano dal Canada.
Questo garantisce maggiori sicurezze per i consumatori e gli amanti della pasta italiana.
Sta avanzando anche la produzione di pasta con grano biologico, grazie ad un importante accordo tra Coldiretti, Consorzi agrari d’Italia, Fdai e Gruppo Casillo, accordo che prevede la fornitura di 300 milioni di chili di grano duro biologico destinato alla pasta.
Insomma, il mercato sta premiando l’impegno dei produttori italiani, il nostro made in Italy si conferma la scelta migliore per la pasta, nonostante la produzione si debba scontrare periodicamente con i cambiamenti climatici che, molto spesso, non giocano a favore dei coltivatori.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.