Ricordo di Michel du Cille, fotoreporter da Premio Pulitzer

Il fotoreporter Michel du Cille, uno dei migliori al mondo, ci ha lasciato a causa di un infarto mentre si trovava in Liberia.
Era lì per un reportage sull’epidemia di ebola, ma pare che l’eccessiva distanza dal luogo in cui si trovasse rispetto all’ospedale abbia giocato la partita finale.
Du Cille era un fotografo del Washington Post e vinse tre volte il premio Pulitzer per la fotografia.
Il primo dei due premi Pulitzer, per conto del Miami Herald, lo ottenne nel 1985 per le foto che documentavano una l’eruzione del vulcano Nevado del Ruiz in Colombia; il secondo premio del 1987 invece lo vinse perchè si occupò di una comunità di tossicodipendenti di Miami.
Nel 1988 fu assunto dal Washington Post e nel 2008 ebbe un terzo Pulitzer (con altre due colleghe, Dana Priest e Anne Hull) fotografando le condizioni dei reduci di guerra degli USA ospitati presso il Walter Reed Army Medical Center.
Successivamente si occupò di guerre civili, in Afghanistan e anche in Africa.
Aveva 58 anni, americano di origini giamaicane, con oltre 40 anni di carriera.
Hanno dichiarato dalla redazione del Washington Post: “Abbiamo perso un collega amato e uno dei più grandi fotografi al mondo. Siamo distrutti”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.