Non vaccinata muore per meningite di tipo C

Una bambina di sei anni è morta per meningite di tipo C, malattia per la quale non era interamente vaccinata.
Il padre ha raccontato a “Stasera Italia” che nel giorno prefissato dal medico per fare il vaccino la bambina non si presentò.
Aveva la febbre e i genitori preferirono rinviare ad altra data. Nell’attesa però di fare il vaccino, la piccola si ammalò.
Un pomeriggio, dopo aver giocato al parco come usava fare tutti i giorni, la bambina accusò mal di testa, dolori sparsi.
Così i genitori corsero in ospedale ma purtroppo in sole quattro ore la bambina è deceduta.
E’ un dolore straziante quello di questo padre, che oggi combatte “per far sì che di bare bianche per queste cose non ce ne siano più” ed aggiunge un appello all’attuale Governo in carica: “Non deve decidere il genitore, i vaccini devono essere obbligatori”.
Il Dottore Roberto Burioni sui social network ha precisato che il modo migliore per liberarci dal meningococco C è vaccinare a tappeto tutti i bambini e gli adolescenti, con un vaccino efficace: “Nel Regno Unito avevano tantissimi casi e la malattia è sparita, a riprova che la vaccinazione del proprio figlio non è un atto di protezione individuale, ma un gesto di responsabilità sociale. A proposito: il vaccino contro il meningococco C non è tra i 10 obbligatori. Però salva la vita, a grandi e a piccini.”

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.