Mancata impugnazione da parte del medico responsabile (Cass. IV Sez. Pen. Sent. 380047/18)

A cura di Studio Legale Avv. Vallefuoco

Mancata impugnazione da parte del medico responsabile (Cass. IV Sez. Pen. Sent. 380047/18)

Con la Sentenza n. 38007 del 2018 la IV Sezione Penale della Cassazione ha stabilito che in caso di condanna del medico responsabile che non impugna poi la Sentenza di condanna, questa Sentenza diventa definitiva anche nei confronti della Struttura sanitaria, che ne risponderà quindi in solido con il medico in qualità di responsabile civile.
Il caso di specie riguardava un fatto colposo commissivo ben determinato, avendo il medico iniettato il liquido di contrasto propedeutico all’esecuzione di una TAC senza osservare specifiche cautele e raccomandazioni, al cui rispetto era stato espressamente invitato ad attenersi.
La mancata impugnazione ha reso irrevocabile la Sentenza, non più suscettibile di modifica ai sensi dell’art. 561 bis c.p.
Il ricorso si palesa inammissibile in quanto investe la statuizione di condanna penale dell’imputato che, riconosciuto colpevole del delitto di lesioni personali gravi, non ha proposto impugnazione, rendendo pertanto irrevocabile la suddetta statuizione nei propri confronti, così da ritenersi non più suscettibile di modifica.
Nel caso in specie, secondo la Corte di Cassazione, premesso che l’imputato aveva omesso di impugnare la condanna ed essa aveva assunto definitività ai fini penali, ai fini civili l’interesse del responsabile civile ad ottenere una formula di proscioglimento dell’imputato ai sensi dell’art. 131 bis c.p. risulta impedito dagli effetti riconosciuti dal Legislatore alla suddetta statuizione, laddove ai sensi dell’art. 561 bis c.p. essa ha effetto di giudicato nel giudizio civile quanto all’accertamento del fatto, alla sua illiceità penale e alla …. CONTINUA A LEGGERE QUI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.