L’Europa metterà al bando la plastica monouso

Secondo la Commissione europea, circa l’80% dei rifiuti marini è costituito da plastica.
La Commissione europea ha approvato le nuove norme per contrastare la diffusione dei 10 prodotti di plastica che più inquinano le spiagge e i mari d’Europa.
Pertanto il Parlamento europeo ha approvato una direttiva con la quale si vieterà la vendita della plastica monouso, come le posate, i bastoncini cotonati, piatti, cannucce, miscelatori per bevande, bastoncini per palloncini, nonché i sacchetti in plastica, gli imballaggi, i contenitori per fast-food in polistirolo espanso, i contenitori alimentari per frutta e verdura, per dessert.
La riduzione avverrà in modo graduale.
Saranno messi al bando i prodotti di plastica per i quali sono facilmente disponibili soluzioni alternative, mentre si limiterà l’uso di quelli di cui non esistono valide alternative riducendone il consumo a livello nazionale.
I produttori dovranno poi rispettare requisiti di progettazione ed etichettatura e sottostare a obblighi di gestione e bonifica dei rifiuti.
Gli Stati europei dovranno ridurre il consumo dei prodotti in plastica per i quali non esistono alternative del 25% entro il 2025.
Altre materie plastiche, come le bottiglie per bevande, dovranno essere raccolte separatamente e riciclate al 90% entro il 2025.
Le misure di riduzione dovrebbero riguardare anche i rifiuti da tabacco, in particolare i filtri per sigarette che contengono plastica.
La riduzione di tali rifiuti dovrebbe essere del 50% entro il 2025 e dell’80% entro il 2030.
Inoltre si dovrà garantire che almeno il 50% degli attrezzi da pesca contenenti plastica venga raccolto ogni anno, con un obiettivo di riciclaggio almeno del 15% entro il 2025. Gli attrezzi da pesca rappresentano il 27% dei rifiuti che si trovano sulle spiagge.
I produttori contribuiranno a coprire i costi di gestione e bonifica dei rifiuti.
Gli Stati membri dovranno anche sensibilizzare i consumatori all’incidenza negativa della dispersione nell’ambiente dei prodotti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.