La Congregazione per il clero ha riconosciuto l’Aie – Associazione internazionale esorcisti

Con il decreto del 13 Giugno 2014 la Congregazione per il clero ha conferito personalità giuridica all’Aie, l’Associazione internazionale esorcisti, in base al canone 322 par.1 del Codex iuris canonici.
Ora l’Aie è un’associazione privata internazionale di fedeli.
Le origini dell’Aie risalgono a quando don Gabriele Amorth decise nel 1991 di riunire gli esorcisti allo scopo di offrire un confronto ed aiutare sempre meglio i fedeli che si rivolgevano a loro. Nacque così l’Associazione italiana esorcisti.
Da lì ne scaturirono incontri a livello internazionale ogni due anni, così l’associazione si è evoluta abbracciando, ad oggi, oltre 200 esorcisti in 30 Paesi.
Padre Amorth spera che aumentino il numero di sacerdoti esorcisti, per venire incontro sempre più a tutte quelle persone che sono abbandonate a se stesse e non sanno come risolvere un problema senza l’intervento del sacerdote esorcista.
Questa è una realtà molte volte ignorata, ma il diffondersi di sette e di credi strani è sempre più capillare nelle nuove generazioni, talvolta creando vere e proprie mode da cui l’Aie mette in guardia.
Attuale presidente dell’Associazione è padre Francesco Bamonte, il quale su richiesta degli Ordinari di varie diocesi italiane ed estere, da alcuni anni offre relazioni per i sacerdoti riguardo il ministero dell’esorcismo e i problemi pastorali derivanti dalla diffusione nella società delle varie forme di occultismo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.