Installato a Chernobyl il nuovo sarcofago isolante

di Lorenzo Ferretti

 

A Chernobyl è stato finalmente installato il nuovo sarcofago per isolare il reattore 4 dalle radiazioni nucleari e mettere così al sicuro il reattore per i prossimi 100 anni.
Oltre i 100 anni non si potrà andare a causa delle radiazioni che impediscono, sia adesso che in futuro, di fare la necessaria manutenzione.
E’ la più grande struttura mobile del pianeta, sperando che riesca a chiudere definitivamente il più grave disastro nucleare della storia, avvenuto trent’anni fa, il 26 aprile 1986 in seguito a una serie di errori operativi.
Il vecchio sarcofago è stato costruito in tempi strettissimi subito dopo l’incidente nucleare, e purtroppo ha iniziato a deteriorarsi a causa del calore e delle radiazioni, rendendo indispensabile un secondo intervento con la costruzione di questo enorme progetto.
La nuova struttura, che copre la prima realizzata in fretta e restaurata ripetutamente, è formata da un enorme arco di cemento e acciaio lungo 275 metri e alto 108, finanziato dalla Bers (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo).
Gli archi sono costruiti con elementi tubolari in acciaio rivestiti esternamente con tre strati di pannelli applicati sulle pareti finali della struttura.
Internamente, ogni arco sarà ricoperto da pannelli in lexan.
Si tratta di uno dei progetti ingegneristici più ambiziosi al mondo, l’operazione New Safe Confinement alla quale ha contribuito anche l’Italia.
Il costo finale stimato per la struttura è un miliardo e mezzo di euro.
Ora potranno iniziare i lavori per smantellare il reattore e neutralizzare il grande quantitativo di materiale radioattivo ancora sigillato all’interno.
Il sarcofago infatti racchiude 200 tonnellate di corium radioattivo, 30 tonnellate di polvere altamente contaminata e 16 tonnellate di uranio e plutonio.
Il posizionamento della gigantesca struttura mobile è durato due mesi, ha sei anni di lavoro alle spalle, e sarebbe solo una parte di quel Shelter Implementation Plan for Chernobyl comprensivo di oltre 300 progetti e attività di vario genere.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.