In ricordo di Giorgio Faletti

Aveva annullato tutti gli impegni perchè non stava bene ed era ricoverato all’ospedale Molinette. Ci ha lasciato il 4 luglio all’età di 63 anni.
Giorgio Faletti è stato un artista poliedrico e resterà nel cuore dei tanti fan che lo hanno seguito negli anni della sua carriera.
Era laureato in giurisprudenza, ma aveva capito che la sua strada non sarebbe stata quella.
La sua carriera è iniziata nel locale milanese Derby, negli anni ’70, in cui faceva cabaret.
Poi in televisione, con Antenna 3, Pronto Raffaella, Drive In, Fantastico.
Nella sua carriera di attore lo ricordiamo anche per i film Notte prima degli esami, Baaria, Il sorteggio.
Non si è fatto mancare una carriera nella musica, prima pubblicando l’album Colletti bianchi (colonna sonora del film), poi il disco Disperato ma non serio (1991). Il suo ultimo album è stato Nonsense, nel 2000.
Ha partecipato al Festival di Sanremo nel 1992 insieme ad Orietta Berti con la canzone Rumba di tango.
E’ tornato al Festival nel 1994 con la canzone Signor tenente, classificandosi al secondo posto e vincendo il premio della critica; poi ancora nel 1995 con L’assurdo mestiere.
Ha scritto canzoni per tanti artisti, tra cui Gigliola Cinquetti, Fiordaliso, Angelo Branduardi, Milva, Marco Masini, Mina.
E’ stato anche uno scrittore di successo, il suo primo thriller Io uccido vende più di quattro milioni di copie; tre milioni e mezzo per il romanzo Niente di vero tranne gli occhi.
Ai suoi funerali hanno partecipato oltre 5 mila persone, riversatesi nella piazza della chiesa della Collegiata di San Secondo che è stata munita di altoparlanti per l’occasione.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.