Il Bosone di Higgs scoperto ai laboratori del CERN

A Luglio 2012 venne annunciata la scoperta del Bosone di Higgs da parte del Large Hadron Collider ai laboratori del CERN.
Il bosone di Higgs è stato osservato per la prima volta proprio nel 2012 (negli esperimenti ATLAS e CMS) con l’acceleratore LHC del CERN, ma la sua teorizzazione risale al 1964.
La sua importanza è quella di essere la particella che secondo la teoria fisica pervade l’universo, conferendo massa alle particelle elementari.
Senza questa particella, tutte le particelle elementari dell’universo sarebbero state prive di massa.
Il bosone di Higgs quindi che tiene insieme l’universo, al punto tale da essere diventato famoso con il soprannome di “particella Dio”.
Questo soprannome non è molto amato dai fisici, lo stesso Higgs ha rivelato lo ritiene offensivo nei confronti dei credenti.
Il termine deriva dal titolo del libro di fisica di Leon Lederman: The God Particle: If the Universe Is the Answer, What Is the Question?, tra l’altro dovuto ad un cambiamento del nome su iniziativa dell’editore, poichè l’autore inizialmente l’aveva chiamato goddamn particle (particella maledetta) essendo molto difficile la sua individuazione.
In Italia il nome è stato ulteriormente cambiato in “particella di Dio”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.