Hyperloop, italiani creano sospensioni del treno del futuro

di Lorenzo Ferretti

 

Italiani, studenti brillanti, partecipano con successo ad una competition mondiale per la realizzazione del treno del futuro Hyperloop, voluto dal visionario imprenditore sudafricano Elon Musk: sembra quasi la trama di un film, uno di quelli in cui ogni sogno diventa possibile e in effetti, per un gruppo di studenti toscani dell’Università di Pisa e della Scuola Superiore Sant’Anna, fondatori della startup ‘Ales Tech’, è proprio un sogno che diventa realtà.
A costituire l’azienda, tutta italiana, sono stati Luca Cesaretti e Lorenzo Andrea Parrotta, ai quali si sono uniti Andrea Paraboschi e Antonio Davola oltre a numerosi altri neo ingegneri, tutti ansiosi di partecipare alla realizzazione delle sospensioni che verranno fornite ai finalisti della gara mondiale indetta dal fondatore di SpaceX e Tesla Motors per la progettazione del treno-fulmine Hyperloop, in grado di sfrecciare alla velocità di oltre mille chilometri, percorrendo in 30 minuti una distanza come quella tra Roma e Milano.
Per realizzare il loro progetto, le brillanti menti della ‘Ales Tech’ hanno preso ispirazione dal classico meccanismo ‘a molla’ che caratterizza i normali ammortizzatori, coadiuvati da un sistema di controllo digitale che garantisce un totale controllo ad ogni minimo sbalzo: queste sospensioni renderanno più confortevole e, soprattutto, più sicuro il viaggio, evitando rischi potenzialmente fatali, muovendosi a certe velocità, ha spiegato Paraboschi.
La Ales Tech ha preso la classica architettura delle tradizionali molle e l’ha unita a elementi attivi controllati da una centralina, in modo che possono adattarsi a qualsiasi levitazione, consentendo al pattino di adattarsi in maniera precisa ad ogni minima imperfezione del tracciato.
All’inizio del progetto, i fondatori della Ales Tech erano ancora laureandi che, ispirati dall’idea di Elon Musk, considerato una delle menti che hanno maggiormente influenzato il mondo, si sono lanciati in questa sfida, completando gli studi e fondando una startup che ora promette di arrivare lontano: infatti hanno dichiarato che durante la progettazione di queste sospensioni si sono resi conto che possono essere adottate in moltissimi campi, dai sedili dei Caterpillar alle montagne russe, ai treni o le auto.
L’iniziativa lanciata da Elon Musk ha scatenato un nuovo fermento negli ambienti universitari di diversi Paesi del mondo e qui da noi, secondo i fondatori della Ales Tech, sta germogliando una nuova generazione di talenti che non hanno in progetto di lasciare l’Italia.
Sono tre le realtà impegnate nello sviluppo di soluzioni dedicate al progetto di Elon Musk: la già citata Hyperloop Transportation Technologies (HTT), la quasi omonima Hyperloop Technologies Inc. (HTI) e SpaceX.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.