Aspetto architettonico e decoro per sopraelevazioni (Cass. Sez. VI Civ., Ord. 22156/18)

A cura di Studio Legale Avv. Vallefuoco

Aspetto architettonico e decoro per sopraelevazioni (Cass. Sez. VI Civ., Ord. 22156/18)

La Corte di Cassazione, Sez. VI Civile, con l’Ordinanza del 12 settembre 2018 n. 22156 spiega la differenza tra il concetto relativo all’aspetto architettonico e quello relativo al decoro architettonico.
In un Condominio, il proprietario dell’ultimo piano ha il diritto di sopraelevare l’edificio ma deve rispettare quanto previsto dall’art. 1127 c.c. per il limite dell’aspetto architettonico del fabbricato.
Per il decoro architettonico invece si fa riferimento all’art. 1122 c.c.
Con l’unico motivo di ricorso si denuncia la violazione e falsa applicazione degli artt. 1120,1122 e 1127 c.c., nonché degli artt. 115 e 116 c.p.c., per non aver valutato fatti pacifici e prove e per omesso esame di un fatto decisivo e provato.
La violazione dell’art. 1122 c.c. viene argomentata con l’assenza di ogni pregiudizio alla statica dell’edificio, ovvero di danno allo stesso.
La parte ricorrente critica altresì il riferimento alla nozione di decoro architettonico, non operando nel caso in esame la disciplina dell’art. 1120 c.c.. Si sottolinea quindi la situazione di degrado del decoro del fabbricato per preesistenti modificazioni.
L’art. 1127 c.c. secondo la Cassazione sottopone il diritto di sopraelevazione del proprietario dell’ultimo piano dell’edificio ai limiti dettati dalle condizioni statiche dell’edificio che non la consentono, ovvero dall’aspetto architettonico dell’edificio stesso, oppure dalla conseguente notevole diminuzione di aria e luce per i piani sottostanti.
L’aspetto architettonico è una nozione diversa da quella di decoro architettonico, contemplata dall’art. 1120 c.c., comma 4, art. 1122 c.c., comma 1, e art. 1122-bis c.c., dovendo l’intervento edificatorio in sopraelevazione comunque rispettare lo stile del fabbricato e non rappresentare una rilevante disarmonia in rapporto al preesistente complesso, tale da pregiudicarne l’originaria fisionomia ed alterare le linee impresse dal progettista, in modo percepibile da qualunque osservatore.
Il giudizio relativo all’impatto della sopraelevazione sull’aspetto architettonico dell’edificio va condotto in base ….. CONTINUA A LEGGERE QUI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.